poemontrial.org

I Vandali - Simon MacDowall

DATA DI RILASCIO 30/05/2019
DIMENSIONE DEL FILE 4,11
ISBN 9788861025639
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Simon MacDowall
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? I Vandali in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Simon MacDowall. Leggere I Vandali Online è così facile ora!

Il miglior libro I Vandali pdf che troverai qui

Il 31 dicembre 406 un numeroso gruppo di tribù germaniche passò il Reno, penetrò oltre le difese romane e cominciò a razziare la Gallia, mettendo a sacco le odierne Metz, Arras, Strasburgo. Tra queste tribù vi erano i vandali che, alla ricerca di una nuova patria, intrapresero un'odissea dai tratti davvero epici. I romani erano incapaci di frenarli e, in marcia attraverso la Gallia con i loro alleati alani, valicarono i Pirenei e si resero signori della penisola iberica. Ma presto questo nuovo regno si trovò sottoposto all'intensa pressione dei visigoti, alleati di Roma. Nel 429 il nuovo re Genserico condusse dunque il suo popolo al di là dello stretto di Gibilterra, in Africa. Rapidamente la ricca provincia romana fu conquistata e divenne sede di un regno stabile, che si posizionò con forza nel Mediterraneo occidentale, giungendo con facilità a saccheggiare l'Italia, come accadde nel celebre sacco di Roma del 455. Nel 533 la conquista del bizantino Belisario avrebbe cancellato dalla storia questo regno di guerrieri, che l'autore riporta alla memoria attraverso analisi approfondite e una narrazione brillante, con particolare attenzione per l'evoluzione degli eserciti dei vandali e la loro strategia bellica.

... cui facevano parte, tra gli altri, i Burgundi e i Goti, e si restrinse poi a una singola gente cui Tacito attribuisce il nome di Lugii ... Vandali in "Enciclopedia dei ragazzi" - Treccani ... . Stanziati all'inizio sulle coste del Baltico e sulla Vistola, furono costretti dall'arrivo di altre popolazioni germaniche (Longobardi, Rugi ... I Vandali trasportarono inoltre migliaia di cittadini romani, fatti prigionieri, a Cartagine, dove se li spartirono tra di loro: tuttavia, essi vennero riscattati dal vescovo di Cartagine Deograthias, il quale, per pagare il riscatto, dovette vendere tutti i vasi d'oro e d'argento della sua Chiesa. Nel maggio del 429, invitati dal comes d'Africa, Bonifacio, i Vandali, guidati ora dal re Genserico, passarono lo stretto di Gibilter ... Vandali in "Enciclopedia dei ragazzi" - Treccani ... . Nel maggio del 429, invitati dal comes d'Africa, Bonifacio, i Vandali, guidati ora dal re Genserico, passarono lo stretto di Gibilterra e in breve occuparono la Mauritania e la Numidia. Bonifacio cercò di farli rimpatriare, ma nel 435 i Vandali ottennero come foederati la Numidia. Nel 439 però Genserico s'impadronì di Cartagine. vandali Nome che indicò dapprima un vasto gruppo di popoli germanici orient. di cui facevano parte, fra gli altri, i burgundi e i goti, ma che si restrinse successivamente a una singola gente, cui Tacito attribuisce il nome di lugii.Stanziati all'inizio sulle coste del Baltico e sulla Vistola, furono costretti dall'arrivo di altre popolazioni germaniche (longobardi, rugi, burgundi) a ... I Vandali posero la capitale a Cartagine e si appropriarono dei possedimenti dei proprietari terrieri, che vennero assegnate ai Vandali più eminenti, evidentemente per premiare la loro fedeltà e i loro sacrifici; i lotti confiscati assunsero la denominazione di sortes vandalorum (lotti dei Vandali). I Vandali è un libro di Simon MacDowall pubblicato da LEG Edizioni nella collana Le guerre: acquista su IBS a 22.80€! I Vandali erano governati da due re, ai cui erano affidata la "politica estera", la direzione della guerra e la scelta dei capi. I re erano considerati anche i mediatori tra il popolo e gli dei: Wotan (Odino), il cui culto era particolarmente diffuso tra gli Hasdingi, e gli Alci , una coppia di fratelli divini il cui supremo sacerdote portava d...