poemontrial.org

Ventunesimo secolo. Rivista di studi sulle transizioni. 33.La diplomazia all'alba della Guerra fredda

DATA DI RILASCIO 02/05/2014
DIMENSIONE DEL FILE 8,47
ISBN 9788849840841
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Ventunesimo secolo. Rivista di studi sulle transizioni. 33.La diplomazia all'alba della Guerra fredda in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore . Leggere Ventunesimo secolo. Rivista di studi sulle transizioni. 33.La diplomazia all'alba della Guerra fredda Online è così facile ora!

Tutti i libri che leggi e scarichi da noi

...tudi di storia antica, brossura, 2005, 9788886808248 ... Ventunesimo secolo. Rivista di studi sulle transizioni ... ... . - M. N. Covini, Guerra e relazioni diplomatiche in Italia (secoli XIV-XV): la diplomazia dei condottieri, in Guerra y diplomacia en la Europa occidental. 1280-1480, XXXI Semana de Estudios Medievales, Estella 18 a 22 de julio de 2004, Pamplona 2005, pp. 163-198 Rivista semestrale anno I - n. 2 (2013) - Rappresentanze Diplomatiche e consolari d'Italia a Pechino 1870-1952. Storia & Diplomazia. Rassegna dell'Archivio Storic ... Ventunesimo Secolo. Rivista Di Studi Sulle Transizioni ... ... . Storia & Diplomazia. Rassegna dell'Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Rivista semestrale anno II - n. 1-2 (2014) Ambasciata d'Italia in Varsavia Continua a leggere l'articolo sul sito di Ventunesimo Secolo, rivista di Studi sulle transizioni. Tratto da 11 Settembre. 10 anni dopo, Ventunesimo Secolo - Rivista di Studi sulle transizioni, Anno X, Numero 25, Giugno 2011. Tutti i diritti riservati . Note ivista «Storia & Diplomazia. Rassegna dell'Ar-chivio Storico del Ministero degli Affari Esteri», inizia un nuovo corso. Nata nel 2008 come strumento di lavoro in grado di dar conto, sia pure sommario, dell'attività di Il versante italiano della République des Lèttres fu animato nel '700 da una fitta rete di relazioni internazionali che faceva capo anche ad alcune significative figure di diplomatici stranieri di passaggio o di stanza nei vari centri della Penisola. Puntando sui privilegi legati al loro status, molti di loro si dedicarono con successo ad un'attività di mediazione e promozione culturale ......