poemontrial.org

Selvapiana. Una curtis di una signoria monastica dalle origini al dominio di Firenze - Luigi Mosconi

DATA DI RILASCIO 25/09/2019
DIMENSIONE DEL FILE 8,30
ISBN 9788865418512
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Luigi Mosconi
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Selvapiana. Una curtis di una signoria monastica dalle origini al dominio di Firenze in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Luigi Mosconi. Leggere Selvapiana. Una curtis di una signoria monastica dalle origini al dominio di Firenze Online è così facile ora!

Tutti i Luigi Mosconi libri che leggi e scarichi da noi

Il castello di Selvapiana è menzionato, per la prima volta, in una donazione del 1232, quando il figlio di uno sconosciuto Taddeo lo sottometteva alla Chiesa romana. Intorno al 1274, Selvapiana apparteneva alla signoria dell'abbazia del Trivio (Montecoronaro) con la quale i discendenti di Taddeo, nominati Della Faggiola, condividevano il potere. Uguccione di Rainerio Della Faggiola, al principio della sua esperienza signorile, ma già famoso condottiere nell'Italia centro-settentrionale, custodiva insieme ai suoi fratelli il castello di Selvapiana e alla fine del XIII secolo lo aveva anche fortificato. E attendibile che nei primi anni del Trecento, Uguccione abbia ospitato Dante Alighieri nei suoi castelli «ne' monti vicini ad Orbino» - tra i quali non possiamo escludere quello di Selvapiana - come testimonia Giovanni Boccaccio nel suo "Trattatello in laude di Dante", e come vuole anche la tradizione. Alla fine degli anni Venti del XIV secolo, quasi tutto il potere della signoria del Trivio era passato nelle mani dei Della Faggiola. Dalla spartizione dei castelli e dei territori di quella casata, Selvapiana toccò a Paolozzo, poi a Cionarino e dopo di lui a un altro Paolozzo. Quest'ultimo tenne il castello fino al 1404, quando diventò un raccomandato del comune di Firenze. Nel 1424, passò dalla parte del duca di Milano e guerreggiò contro i fiorentini i quali, nel 1431, lo spogliarono di tutti i suoi averi. Il paese, quindi, fu aggiunto alle altre località della Val di Bagno che i Gambacorti tenevano sotto l'accomandigia di Firenze e quando questi ultimi decisero di lasciare la valle per trasferirsi nel reame di Napoli, Selvapiana fu incluso nel dominio fiorentino.

... una pars massaricia divisa in mansi (oggi diremmo poderi), affittati a famiglie di massari ... Selvapiana. Una curtis di una signoria monastica dalle ... ... . Azienda passo passo insieme. Volume unico. Con Libro amico, ITE, Didastore. Per il primo biennio degli Ist. tecnici economici. Con ebook. Con espansione online PDF Roma - Origini, Monarchia Appunto schematico storia sulla città di Roma, le origine storiche di Roma, la fase della Monarchia . Sparta - Descrizione I giovani i soldati sradicati dai paesi d'origine, portati a mescolarsi con giovani di altre culture, costretti a incontrare tradizioni, luoghi diversi e sconosciuti, furono i protagonisti inconsapevoli della diffusione dei canti appresi nelle lunghe serate d'inverno nei filò e, in generale, della cultura del loro paese d'origine. fin dalle Origini, fissando dei modelli che rappresenteranno un nuovo punto di partenza p ... Selvapiana. Una curtis di una signoria monastica dalle ... ... . fin dalle Origini, fissando dei modelli che rappresenteranno un nuovo punto di partenza per la letteratura successiva fino ai giorni nostri. L'obiettivo che questo elaborato si propone è quello di individuare, attraverso l'analisi e il confronto dei testi del Due e verifica di storia. nome e cognome ………… data…… classe 2^ pc. completa le seguenti frasi, scegliendo di volta in volta tra le alternative indicate. Origini della curtis •In età romana, le grandi proprietà (latifunda) erano coltivate solo da schiavi e prevalentemente a cereali. •Ma, in seguito: con la fine delle guerre di conquista vengono a mancare gli schiavi e si ricorre a liberi. Con la crisi dei commerci (a seguito della fine dell'impero) occorre produrre tutto in loco: A Firenze invece la Signoria fece la sua comparsa solo nel XV secolo, quando si impose la famiglia Medici. Il sopravvento di una singola persona e di una famiglia sulle magistrature collettive del Comune o sulle Signorie vicine suscitò non di rado aspre contese in quanto altri casati non erano affatto disposti a farsi da parte. Bibliografia sull'ASNA. Bibliografia ragionata dei fondi di pertinenza dell'Archivio di stato di Napoli (a cura di Silvana Musella) ACCIARINO, Mario, Segreteria di Guerra e Marina, ramo Guerra.Inventario dei documenti riguardanti gli edifici militari e le fortificazioni (1753-1823)....