poemontrial.org

Gorizia nella Grande Guerra - Roberto Covaz

DATA DI RILASCIO 28/02/2019
DIMENSIONE DEL FILE 4,21
ISBN 9788861026001
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Roberto Covaz
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Gorizia nella Grande Guerra in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Roberto Covaz. Leggere Gorizia nella Grande Guerra Online è così facile ora!

Troverai il libro Gorizia nella Grande Guerra pdf qui

"Se sarà femmina si chiamerà Piera, la figlia della guerra". Primi di novembre del 1918; dopo quattro anni di sofferenze inaudite il ritorno in città del Regio esercito italiano pone fine alla prima guerra mondiale che ha maciullato, oltre a centinaia di migliaia di giovani vite lungo il fronte dell'Isonzo, il cuore dei goriziani sopravvissuti ai bombardamenti italiani e austroungarici. Di quella che tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento era stata l'elegante e raffinata Nizza austriaca non restano che macerie. Tra mura sbrecciate, strade disastrate dalle artiglierie e in un'aria ammorbata dall'odore di morte, si aggirano Damijan e Maddalena. Hanno deciso che la loro creatura avrà lo stesso nome di Piero, amico goriziano di infanzia di Damijan, arruolato giovanissimo nell'esercito imperiale allo scoppio della guerra, nel luglio del 1914, e rimasto ferito in modo irreversibile durante una battaglia sul fronte orientale. Damijan, Maddalena, Piero e altri personaggi popolano questa sorta di saggio in forma di racconto che intende essere omaggio a quei goriziani che un secolo fa hanno sopportato l'orrore della guerra. Nelle pagine del libro si intrecciano i drammi dei protagonisti, la precaria quotidianità della Gorizia in guerra, le grandi battaglie che si sono combattute attorno e gli avvenimenti che hanno sconvolto l'esistenza di una città che è stata una delle più grandi e tragiche capitali della prima guerra mondiale.

...proprio viaggio nella storia alla scoperta di una delle pagine più importanti del nostro Novecento ... Gorizia - Wikipedia ... . Ma non solo: un viaggio alla scoperta del Friuli Venezia Giulia, una Regione da vivere a 360 gradi Il fronte dell'Isonzo, con Gorizia città simbolo, è stato l'epicentro degli avveni-menti bellici che coinvolsero il Regno d'Italia nella Grande Guerra. Sul Carso nei pressi del monte San Michele conquistato, assieme alla città di Gorizia, nella sesta battaglia dell'Isonzo, vi sono molti cippi commemorativi che ricordano le tante Briga- Nelle pagine del libro, scandite da una scrittura tambureggiante come fosse una cronaca in presa diretta, si intrecciano i drammi dei protagonisti, la precaria quotidianità della Gorizia in guerra, le grandi battaglie che si sono combattute attorno e gli avvenimenti che hanno sconvolto l'esistenza di una città che è stata una delle più grandi e tragiche capitali della Prima guerra mondiale. Viene ferito gravemente nell'attacco al Monte Nero il tenente colonnello degli alpini Luigi Petti ... PDF Gorizia Ed Il Fronte Dell'Isonzo Nella Grande Guerra ... . Viene ferito gravemente nell'attacco al Monte Nero il tenente colonnello degli alpini Luigi Pettinati, che morirà dieci giorni dopo. Sarà il primo italiano decorato con medaglia d'oro al valor militare nella Grande Guerra. 10 giugno 1915. Gorizia. Durante la notte primo bombardamento con dirigibili sulla città. Hotel vicino a Museo della Grande Guerra: (0.09 km) B&B Al Castello (0.20 km) Grand Hotel Entourage - Palazzo Strassoldo (0.23 km) 1848 - Chef's Rooms (0.31 km) Sigfrido (0.94 km) Best Western Gorizia Palace Hotel; Vedi tutti gli hotel vicino a Museo della Grande Guerra su Tripadvisor Cadutigrandeguerra.net è un progetto, promosso dalla Provincia di Gorizia e della Direzione del Sacrario Militare di Redipuglia, nato per la conservazione mediante digitalizzazione degli elenchi storici dei Caduti Italiani noti sepolti nei Sepolcreti Militari di Redipuglia, Oslavia, Aquileia, Caporetto/Kobarid, Tempio di San Nicolò di Udine, Tempio di Timau e Monumento Faro sul monte ... Bambino all'epoca della Grande Guerra, a Gorizia fino all'agosto 1916, poi profugo con la famiglia nelle Marche, a Pausula (oggi Corridonia). La su...