poemontrial.org

Alfonso d'Aragona e la presa del Regno di Napoli - Ferdinando Muto

DATA DI RILASCIO 13/11/2018
DIMENSIONE DEL FILE 6,64
ISBN 9788899937089
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Ferdinando Muto
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Alfonso d'Aragona e la presa del Regno di Napoli in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Ferdinando Muto. Leggere Alfonso d'Aragona e la presa del Regno di Napoli Online è così facile ora!

Troverai il libro Alfonso d'Aragona e la presa del Regno di Napoli pdf qui

Un tuffo nel passato della nostra città durante il periodo Aragonese, ai tempi del Magnanimo: due decenni caratterizzati da tourbillon politici, tradimenti, ripensamenti, intrighi, complotti, battaglie. Uno sguardo sulla vita partenopea al tramonto della dinastia Angioina e uno sulla sorprendente morfologia del sottosuolo cittadino, che tanto influì anche sulle sorti della città, agli albori del Quattrocento.

...Magnanimo. - Alfonso V, nato nel 1396, succedette a suo padre Ferdinando I, il 2 aprile 1416, nei regni d'Aragona, Valenza, Maiorca, Sicilia, Sardegna e nella contea di Barcellona ... Alfonso d'Aragona e la presa del Regno di Napoli - Muto ... ... . Richiamò subito dalla Sicilia il fratello Giovanni, ambizioso di farsene re, e lo sposò con Bianca di Navarra, erede di questo stato. Ferdinando I d'Aragona re di Napoli. - Figlio naturale (1431-1494) di Alfonso V re d'Aragona, divenne re nel 1458. Procedette a un efficace ordinamento amministrativo, cercando di togliere forza al baronaggio e sostenendo i diritti degli ordini non privilegiati. Dette anche un impulso rinnov ... 1300 - Regno di Napoli sotto gli Aragonesi: descrizione ... ... . Procedette a un efficace ordinamento amministrativo, cercando di togliere forza al baronaggio e sostenendo i diritti degli ordini non privilegiati. Dette anche un impulso rinnovatore alle arti e alla vita culturale, soprattutto riaprendo l'università (1465). Alfonso d'Aragona e l'assedio di Napoli descritto da Domenico Lalli in "Le vite de' Re di Napoli".. Or dunque parendo ad Alfonso che la fortuna militasse per esso; nella fine di Marzo si voltà all'assedio di Napoli con certa speranza di prenderla; prima che il soccorso Sforzesco fosse in ordine, e spostosi a campo vecchio; (Così detto allora quel luogo, che poi ridotto dentro la ... Ferdinando d'Aragona, ramo di Napoli, meglio conosciuto come Ferrante I e detto anche Don Ferrando e Don Ferrante (Valencia, 2 giugno 1424 - Napoli, 25 gennaio 1494), era l'unico figlio maschio, illegittimo, di Alfonso I di Napoli, fu re di Napoli dal 1458 al 1494.La madre, Gueraldona Carlino, era una donna probabilmente di origine napoletana che nel dicembre del 1423 aveva accompagnato ... ARAGONA, Alfonso d'. - Figlio naturale di Alfonso II e di Trusia Gazzella, nacque probabilmente nel 1481, poiché al momento del suo matrimonio, celebrato nel 1498, aveva circa 17 anni. La sua educazione umanistica fu accurata: dapprima gli fu precettore Giuniano Maio e, successivamente, Raffaele Brandolini. Sin dai primi anni si trovò implicato nella grave crisi che colpì la dinastia ... Si avvisa che sabato 24 Novembre 2018 alle ore 10,00, si terrà presso il Liceo Artistico Statale di Napoli la presentazione del Libro "Alfonso d'Aragona e la conquista del regno di Napoli" di Ferdinando Muto Ferrante d'Aragona mori' nel 1494, dopo ben 36 anni di regno e a succedergli al regno fu il duca di Calabria con il nome di Alfonso II. Il nuovo re nel suo breve regno dovette subito affrontare la minaccia del giovane sovrano di Francia Carlo VIII, il quale sollecitato anche dai baroni esuli in Francia ( Sanseverino ), ambiva alla riconquista del regno di Napoli. Lo si accusa inoltre di aver provocato la separazione del Regno di Napoli da quello di Aragona, da lui lasciati rispettivamente al figlio Ferdinando e al fratello Giovanni. Bibliografia. P. Gentile, La politica interna di Alfonso V, Montecassino, 1909; G. Soler, Itinerario de Alfonso V, ... Le migliori offerte per Muto Ferdinando. Alfonso d'Aragona e la conquista del Regno di Napoli sono su eBay Confronta prezzi e caratteristiche di prodotti nuovi e usati Molti articoli con consegna gratis! ALFONSO D'ARAGONA E LA CONQUISTA DEL REGNO DI NAPOLI - Ferdinando Muto Autore: Ferdinando Muto Titolo: Alfonso d'Aragona e la conquista del Regno di Napoli Sottotitolo: Descrizione: Volume in formato 8°; 170 pagine. Luogo, Editore, data: Napoli, Stamperia del Valentino Collana: Sotto il cappello ISBN: 9788899937089 Prezzo: Euro 20,00 Alfonso V d'Aragona, poi I di Napoli e Sicilia, era nato nel 1394 ed aveva sposato la figlia del re di Castiglia Enrico III. Alla morte del padre Ferdinando egli aveva ereditato gli stati della Casa d'Aragona ed il possesso di Sardegna e Sicilia, che così tornava in potere dei re di Napoli. Poi si rivolse all'Italia, per opporsi al tentativo francese di annessione del Regno di Napoli, organizzò la guerra contro le truppe del generale Robert Stuart d'Aubigny, inviando, nel 1494, Gonzalo Fernández de Córdoba, che si era distinto nella presa di Granada, nominato Gran Capitano, che un anno dopo il suo arrivo nella penisola, nel 1495 subì una sconfitta a Seminara combattendo ... Era il 2 Giugno 1442 quando la città di Napoli cadde per mano di Alfonso d'Aragona, al seguito della fuga di Renato d'Angiò. Con la sua dinastia (1442-1503), dopo circa due secoli e mezzo, il regno di Napoli e di Sicilia, furono riuniti sotto lo stesso sovrano, che fu chiamato "Re delle Sicilie". GIOVANNA d'Aragona, regina di Napoli. - Nacque nella penisola iberica, probabilmente a metà del XV secolo, da Giovanni II, re d'Aragona e Navarra, e dalla regina Giovanna Enríquez. GIOVANNA d'Aragona, regina di Napoli entrò nella scena politica napoletana quando suo cugino, il re di Napoli Ferdinando I (Ferrante), figlio di Alfonso V d'Aragona, rimasto vedovo (1465) di Isabella di ... Alfonso d'Aragona, detto il Magnanimo, statua di Palazzo Reale Napoli Giovanna II (1371-1435 Napoli), dal 1414 regina di Napoli, passata alla storia più per la vita licenziosa che per meriti politici, nel 1386 andò sposa a Guglielmo d'Asburgo e, rimasta vedova, sposò in seconde nozze Giacomo II di Borbone contro il quale, espressione della strapotenza francese nel regno, i baroni si ......